Categorie
News

«Aperitivo elettorale» — Dibattito a La domenica del Corriere

Le misure per contenere il coronavirus impediscono assembramenti, ma pure incontri, e con i bar chiusi, addio aperitivi per tentare di ingolosire e strappare la promessa di un prezioso voto. E allora, alla vigilia del termine per presentare le liste in vista delle comunali del prossimo 18 aprile, l’aperitivo (idealmente) lo serve il vicedirettore del Corriere del Ticino Gianni Righinetti a La domenica del Corriere alle 19 su Teleticino.

Una chiacchierata in ordine sparso con chi si candida, chi è interessato per questioni di partito e chi osserva la (sempre particolare) situazione ticinese. In studio Lorenzo Quadri, municipale di Lugano e Fabrizio Sirica, co-presidente PS. In collegamento Giorgio Fonio, vicepresidente PPD, Fabio Käppeli, parlamentare PLR e Andrea Pilotti, politologo dell’Università di Losanna.

Testo tratto da Cdt.ch

 

Guarda la trasmissione.

 

Categorie
Articoli

Il Coronavirus anticiperà i tempi delle riforme?

Da quasi un anno il coronavirus è sulla bocca di tutti e domina la nostra quotidianità, come pure le pagine dei media. Quale fil rouge si è protratta la discussione sui costi legati alla pandemia, siano essi di natura economica o direttamente legati al sistema sanitario: le ingenti perdite degli ospedali, i costi dei tamponi oppure ancora le cure dei pazienti in cure intense per Covid-19, che si possono aggirare attorno ai 100’000 franchi.

Il ritornello nella discussione è sempre lo stesso: chi coprirà questi costi? La politica e i diversi attori si stanno adoperando per trovare una risposta a questa domanda, la quale si è fatta sempre più pressante con l’aumento dei contagi e le preoccupazioni economiche. Le riserve – tanto dibattute e invise ad alcune cerchie – permetteranno di attutire il colpo sui premi futuri? In che misura Confederazione e cantoni si assumeranno i costi straordinari generati nel sistema sanitario? Non illudiamoci, qualsiasi sia la risposta una cosa è certa: che sia attraverso le imposte o attraverso i premi di cassa malati, alla fine siamo sempre noi cittadini ed assicurati ad essere chiamati alla cassa. Il rischio è quello di un nuovo contraccolpo finanziario per il ceto medio. E senza un intervento urgente e deciso il sistema si spingerà sempre più verso l’insostenibile.

La pandemia non fa che mettere l’accento sull’assoluta necessità di intraprendere riforme. Riforme che dovranno permettere di tenere sotto controllo i costi e porre gli incentivi giusti per mantenere alta la qualità delle cure, evitando al contempo oneri inutili, doppioni e inefficienze che alla fine pesano sulle nostre spalle.

In altre parole, appena rientrata l’emergenza sanitaria, la discussione politica dovrà spostarsi dal tema di chi paga i costi generati – in cui si inserisce tra l’altro anche l’iniziativa del partito socialista che chiede un tetto massimo ai premi delle casse malati (e non ai costi del sistema sanitario!) – alle soluzioni di come limitare questi stessi costi. Il margine per sottrarsi a questo dibattito è ormai esiguo: occorre avere il coraggio di prendere decisioni incisive, come ad esempio sul finanziamento uniforme tra le cure ambulatoriali e stazionarie, attualmente dibattuto nella Berna federale. Urge pure trovare soluzioni concrete per ridurre i prezzi dei medicamenti, un capitolo tuttora costoso e ingiustificato che spinge al rialzo i premi delle casse malati.

Il Covid-19 ci ha mostrato come l’equilibrio e gli interessi nel mondo della sanità siano diversi, spesso contrapposti e molto sensibili ai costi. Ora è tempo di riforme affinché nessuno – né l’industria farmaceutica, né medici, né ospedali – abbia interesse a servirsi liberamente alla tavola imbandita. Perché questa viene apparecchiata con i nostri premi, la cui crescita va urgentemente interrotta.

 

Categorie
Articoli

Sfide più urgenti post Coronavirus

Negli ultimi mesi l’attualità politica, sociale, economica, culturale e sportiva è stata dominata dalla crisi legata al coronavirus. Appena allentata un po’ la morsa dei contagi, la discussione si è spostata sulla sensibile questione dei costi. Chi paga i tamponi? Chi paga i testi sierologici? Quanto ci costeranno, soprattutto in termini di premi, questi mesi difficili che stiamo vivendo? Una domanda non indifferente, quest’ultima, poiché oltre alla crisi sanitaria il virus ha indotto una crisi economica senza pari, i cui sintomi sono tutt’altro che un raffreddore. Un nuovo e forte aumento dei premi alla fine dell’anno rischierebbe infatti di incidere ancor più sui bilanci di molte economie domestiche, già sotto pressione nella situazione attuale.

A questo riguardo è positivo il fatto che gli assicuratori malattia siano tenuti per legge ad accantonare delle riserve, costituite su diversi anni attraverso un prelievo leggermente maggiore dei premi. Attualmente la somma di queste riserve ammonta a circa 8 miliardi di franchi e corrisponde più o meno a tre mesi di prestazioni sanitarie nell’ambito della LAMal, che in Svizzera superano in un anno i 30 miliardi di franchi (!). Sono pertanto contestualizzabili – e credibili – le affermazioni provenienti dagli assicuratori che promettono che il flagello del coronavirus non sarà alla base di un aumento dei premi l’anno prossimo e che anzi, le casse sarebbero pronte anche per una seconda ondata di contagi. Purtroppo, proprio il tema delle riserve negli scorsi anni è stato all’origine di numerose polemiche – in particolare da noi a sud delle Alpi – poiché secondo alcuni troppo alte e, in definitiva, problematiche. Si tratta di polemiche pericolose perché il ruolo delle riserve gioca in realtà a favore dell’assicurato: garantiscono la solvibilità degli assicuratori malattia e, in casi di eventi straordinari come quello che stiamo vivendo, permettono di attutire il colpo e stabilizzare il sistema, senza dover ricorrere (a questo scopo) ad un aumento dei premi. Insomma, l’obbligo delle riserve è istituito nell’interesse degli assicurati.

Inoltre, puntare il dito contro le riserve distoglie l’attenzione dalle reali cause dell’aumento dei costi, e dunque dei premi. L’aumento di questi ultimi con percentuali sostanziali da diversi anni sta mettendo a dura prova il sistema, la rete sociale dei cantoni e le persone con redditi modesti. La crisi del coronavirus ci può insegnare molto sotto questo aspetto: mentre le riserve ci concedono il tempo per trovare contromisure, la sfida è più che mai quella di trovare l’antidoto per aumentare l’efficienza – senza intaccare la qualità delle prestazioni – nell’ambito delle cure del medico di famiglia, degli specialisti, delle cure ospedaliere, o nel settore dei medicamenti in cui rappresentiamo un’isola dai prezzi alti. I temi della digitalizzazione e della trasparenza dei costi vanno promossi e resi interessanti attraverso incentivi, affinché si possano trovare soluzioni sostenibili. Alcune riforme di politica sanitaria rimangono cruciali, quali il finanziamento uniforme delle prestazioni ambulatoriali e stazionarie (oggi le prime, sempre più in voga, contrariamente alle seconde non sono pagate dai cantoni, e dunque la riduzione dei trattamenti ospedalieri porta al paradossale aumento dei premi), la revisione del tariffario medico, o ancora riforme nell’ambito dei prezzi dei farmaci.

La crisi economica provocata dal coronavirus rafforza ancor più l’urgenza di trovare misure per limitare l’aumento dei costi nella sanità, senza intaccarne la qualità. Negli scorsi anni si è parlato spesso delle riserve delle casse malati. Ora e in futuro concentriamoci su riforme valide che andranno ad agire sui costi della salute, e dunque sui premi. A beneficio di tutti.

 

Categorie
Interviste

«Due chiacchiere con Fabio Käppeli» – Intervista a distanza

“La crisi del Covid-19 ha evidenziato l’importanza della digitalizzazione. Ne parliamo in queste “Due chiacchiere” con il granconsigliere PLRT Fabio Käppeli. Tra scuola, amministrazione pubblica e investimenti strutturali.”

 

 

Categorie
News

Andrà tutto bene…

Ce lo saremmo immaginati molto diverso questo periodo e in particolare la giornata odierna, e invece i risultati delle elezioni comunali arriveranno solo il 18 aprile 2021.

Per chi mi ha chiesto «come mai “Bellinzona 2040?”», be’ adesso è chiaro a tutti! Possono anche rimandarle un’altra decina di volte senza che debba cambiare i cartelloni… Anzi, la mia visione a medio termine rimane e si consolida! 😉

Ora pensiamo però alla nostra salute. Non sarà facile né immediato, ma supereremo anche questa difficile situazione e potremo tornare a occuparci serenamente di tante altre cose che in questo momento passano in secondo piano.

Grazie di cuore a tutti per il prezioso sostegno e la vicinanza!