Categorie
News

«Una scuola da rafforzare?» — Dibattito a Piazza del Corriere

I riflettori della politica rimangono puntati sulla scuola. Dopo l’iniziativa popolare denominata «Aiutiamo le scuole comunali, per il futuro dei nostri ragazzi», bocciata con il 51,4% di no nel settembre 2014, il prossimo 5 giugno saremo chiamati ad esprimerci in votazione sull’iniziativa «sorella»: «Rafforziamo la scuola media, per il futuro dei nostri giovani». Tre sono le richieste formulate e sottoscritte da 9.949 cittadini:

  1. classi meno affollate e maggiore sostegno agli allievi per raggiungere gli obiettivi formativi al termine della scuola dell’obbligo;
  2. la generalizzazione di mense e doposcuola nelle scuole medie per rispondere ai bisogni delle famiglie in tutto il Cantone;
  3. una migliore organizzazione delle scuole medie, per disporre di una scuola di qualità in grado di garantire un futuro ai nostri giovani.

A raccogliere le firme era stato il sindacato VPOD con il sostegno del PS, mentre le altre forze propongono di respingerla. Il dibattito s’infiamma proprio mentre sulla rampa di lancio è arrivato il progetto ad ampio respiro del DECS denominato «La scuola che verrà».

Le due proposte sono compatibili? Martedì 3 maggio a Piazza del Corriere Gianni Righinetti ospiterà chi difende l’iniziativa, Raoul Ghisletta (VPOD-PS) e Tamara Merlo (Verdi) e chi caldeggia un no, il direttore del DECS Manuele Bertoli e Fabio Käppeli (PLR).

Testo tratto da Cdt.ch

 

Guarda la trasmissione.